• A passeggio a Principina a mare
  • Ansedonia
  • Il mare di Principina a Mare
  • La bellissima pineta di Principina a Mare
  • Tramonto a Principina a Mare
  • La laguna di Orbetello
  • Veduta di Talamone
  • Veduta della Giannella
  • Il porto di Porto S. Stefano

Certificazione Energetica degli Edifici


Certificazione Energetica degli Edifici

Con il decreto legislativo 19 agosto 2005 n.192, e le successive modifiche e integrazioni (D.Lgs. 311/2006), anche per il settore italiano dell’edilizia vengono stabiliti i criteri, le condizioni e le modalita' al fine di migliorare le prestazioni energetiche degli edifici per: “favorire lo sviluppo, la valorizzazione e l’integrazione delle fonti rinnovabili e la diversificazione energetica, introducendo, inoltre, una metodologia di calcolo, i requisiti della prestazione energetica per il contenimento dei consumi, nonche' le modalità di esercizio e di conduzione degli impianti termici.”.

Nella normativa europea il rendimento energetico dell’edificio e' calcolato come la quantita' di energia consumata con un uso standard dell’edificio. Quindi, nel calcolo e' sommata anche l’energia utilizzata per il riscaldamento dell’ambiente e dell’acqua per uso igienico-sanitario, il riscaldamento, il raffrescamento estivo, la ventilazione e illuminazione.

L’attestato di certificazione energetica e' un documento che permette di comprendere come e' stato realizzato l’edificio dal punto di vista dell’isolamento termico, della coibentazione e quindi in che modo il fabbricato possa contribuire a risparmiare energia; in altre parole consiste in una valutazione dei requisiti energetici integrati di un immobile con conseguente certificazione e attribuzione di una determinata classe energetica.

È interesse del consumatore, sia acquirente che affittuario di un immobile, sapere se l’edificio consente o meno un risparmio energetico: una casa, o un qualsiasi altro fabbricato, realizzato senza nessun accorgimento dal punto di vista energetico, oltre a causare un maggiore inquinamento, produce anche un aggravio di spese per la persona che lo abita, oltre a perdere valore nel tempo.

Infatti un edificio non adeguatamente isolato o che non abbia nessun dispositivo di produzione di energia alternativa, inevitabilmente genera costi più elevati. Il certificato energetico fornisce tutte le informazioni sulla tipologia del fabbricato che si sta acquistando sotto l’aspetto del risparmio energetico.

Nel certificato e' indicata la quantita' di energia consumata annualmente dall’edificio, vale 10 anni e riporta dettagliate informazioni sull’involucro edilizio e sugli impianti tecnologici installati. L’attestato di certificazione energetica dell’edificio e' corredato da suggerimenti in merito agli interventi piu' significativi ed economicamente convenienti per il miglioramento della predetta prestazione. Un certificato energetico contiene un elenco di classi e un indicatore che indichi in che classe si trova l’edificio che desideriamo acquistare. Le classi partono dalla lettera A+ (casa passiva a consumo zero) e arrivano alla lettera G: la classe A indica un consumo molto basso, mentre la classe G un consumo molto alto, seguendo praticamente lo stesso sistema che viene usato nel campo degli elettrodomestici.

Linee Guida Certificazione Energetica Edifici

Fonte delle informazioni pubblicate: http://archmariascarfone.wordpress.com/info/
Mappa del Sito | Note Legali | Trattamento dei Dati